Dozza, Turismo, escursioni, passeggiate, luoghi di interesse

Registrazione e Login

Recupero Password

Iscriviti ora e ricevi subito Eventi, novit� sui Locali e Sconti nella Tua Citt�!!

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DEL D. LGS. 196/2003

Compila dettagliatamente il modulo per segnalare la pagina a un amico:

Per favore inserisci da 1 a 3 indirizzi E-mail di tuoi amici:




INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DEL D. LGS. 196/2003

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs.196/2003 e dichiaro di essere a conoscenza che le persone che riceveranno il suggerimento che invio saranno a conoscenza del mio indirizzo e-mail utilizzato e del mio nome.

PRIVACY POLICY

Informativa ai sensi del d.lgs. 196/03

Soggetti, modalit� e finalit� di trattamento.

Ai sensi dell�art. 13 del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali (di seguito�il Codice�), si informa che Titolare del trattamento dei dati forniti � Mauro Ianassi, con sede in Via Dal Lino, 27 - 40134 Bologna (BO) � Italy P. IVA 02928401203.
Responsabile del Trattamento dei dati raccolti per le finalit� di cui alla presente informativa, � il il Sig. Ianassi Mauro, al quale potr� rivolgersi, tramite raccomandata a/r, all�indirizzo sopra indicato per esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Codice, e quindi, per consultare, far modificare i dati od opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi.
Il trattamento dei dati avviene con procedure, strumenti tecnici e informatici idonei a tutelare la riservatezza e la sicurezza dei dati e consiste nella loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione degli stessi comprese la combinazione di due o pi� delle attivit� suddette.
Il trattamento dei dati sar� finalizzato alle sole iniziative dei portali sopracitati. Il conferimento del consenso al trattamento dei dati personali � facoltativo; in caso di rifiuto del consenso al trattamento dei dati personali per le finalit� di cui alla presente informativa, non potr�, per�, essere contattato per le finalit� di cui alla presente informativa, non potr� tuttavia essere contattato per le finalit� sopra riportate. L�utente rilascia il suo consenso al trattamento, alla comunicazione ed a lla diffusione dei dati forniti e che lo riguardano, dando altres� atto di essere stato adeguatamente informato / a circa le finalit� del succitato trattamento, nonch� dei diritti sanciti ex art. 7 Dlgs 196/2003 a tutela della riservatezza dei suoi dati personali.

Ricevi gli eventi e le promozioni via e-mail

bologna

Seguici su:

Rocca Di Dozza - Bologna Rocca sforzesca di dozza (bo)
Rocca Di Dozza - Bologna
PIAZZA DELLA ROCCA DI DOZZA
Toscanella, Dozza (BO)
Tel. / Cell. /




 1 

Dozza e dintorni, luoghi di interesse culturale e storico nel comune

 

Ducia e Dutia le più antiche e Dozza, la più recente. Questa l'evoluzione del nome del Comune, prima Duza e poi Doccia, prima di Dozza. A Dozza l'acqua,ovvero la sua mancanza ne ha caratterizzato il nome, ed anche, la storia. Dallo stemma del Comune all' antico acquedotto rinvenuto proveniente da Monte del Re, fino a toponimi delle chiese, tutto riporta al nome di Dozza, alla doccia, condotto in cui l'acqua scorre. Sembra quasi un paradosso, per un borgo che ha fatto da secoli del vino di qualità, una fonte di ricchezza. Il luogo fu abitato fin dall'età del bronzo, prima dai Galli, poi dai Romani. Rifiorì già prima del Mille. Furono i Bolognesi, a costruirgli delle mura, nel 1086 e circa due secoli dopo a edificare la rocchetta, con il rivellino, a difesa dell'entrata del borgo. Il primo documento che ci narra di un Castrum Ducie, è del 1126. Per secoli fu motivo di disputa, per la posizione strategica a dominio della Via Emilia. Ritrovò una certa stabilità con Caterina Sforza, che ne ricostruì la Rocca. Poi, alla fine di lunghe vicende, divenne feudo dei Malvezzi-Campeggi.
 
La Rocca di Caterina.
Poderosa e massiccia, è la Rocca Sforzesca. A volerla ricostruire, fu Caterina Sforza, Signora di Imola e di Dozza. Nel tardo Quattrocento i lavori furono affidati all'architetto fiorentino, Giorgio Marchesi. Furono alzate le spesse mura di cinta, ed il torrione maggiore. Le vicende politiche, si ripercossero anche sul dominio di Dozza, e del castello, contesi a lungo dalle famiglie bolognesi Campeggi e Malvezzi. Alla fine i Malvezzi ebbero il feudo e la rocca, col titolo di Marchesi Malvezzi-Campeggi. L'aspetto recente della Rocca,  è frutto delle trasformazioni in palazzo signorile, finita proprio dai Malvezzi nel 1594. I discendenti abitarono la rocca fino al 1960, anno in cui l'acquistò il Comune,fino all'estinzione dell'ultimo erede.

Seguici

Facebook
Twitter