Borgo Tossignano, Turismo, escursioni, passeggiate, luoghi di interesse

Registrazione e Login

Recupero Password

Iscriviti ora e ricevi subito Eventi, novit� sui Locali e Sconti nella Tua Citt�!!

INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DEL D. LGS. 196/2003

Compila dettagliatamente il modulo per segnalare la pagina a un amico:

Per favore inserisci da 1 a 3 indirizzi E-mail di tuoi amici:




INFORMATIVA SULLA PRIVACY AI SENSI DEL D. LGS. 196/2003

Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi dell'art.13 del D.Lgs.196/2003 e dichiaro di essere a conoscenza che le persone che riceveranno il suggerimento che invio saranno a conoscenza del mio indirizzo e-mail utilizzato e del mio nome.

PRIVACY POLICY

Informativa ai sensi del d.lgs. 196/03

Soggetti, modalit� e finalit� di trattamento.

Ai sensi dell�art. 13 del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 in materia di protezione dei dati personali (di seguito�il Codice�), si informa che Titolare del trattamento dei dati forniti � Mauro Ianassi, con sede in Via Dal Lino, 27 - 40134 Bologna (BO) � Italy P. IVA 02928401203.
Responsabile del Trattamento dei dati raccolti per le finalit� di cui alla presente informativa, � il il Sig. Ianassi Mauro, al quale potr� rivolgersi, tramite raccomandata a/r, all�indirizzo sopra indicato per esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Codice, e quindi, per consultare, far modificare i dati od opporsi al loro utilizzo per motivi legittimi.
Il trattamento dei dati avviene con procedure, strumenti tecnici e informatici idonei a tutelare la riservatezza e la sicurezza dei dati e consiste nella loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distruzione degli stessi comprese la combinazione di due o pi� delle attivit� suddette.
Il trattamento dei dati sar� finalizzato alle sole iniziative dei portali sopracitati. Il conferimento del consenso al trattamento dei dati personali � facoltativo; in caso di rifiuto del consenso al trattamento dei dati personali per le finalit� di cui alla presente informativa, non potr�, per�, essere contattato per le finalit� di cui alla presente informativa, non potr� tuttavia essere contattato per le finalit� sopra riportate. L�utente rilascia il suo consenso al trattamento, alla comunicazione ed a lla diffusione dei dati forniti e che lo riguardano, dando altres� atto di essere stato adeguatamente informato / a circa le finalit� del succitato trattamento, nonch� dei diritti sanciti ex art. 7 Dlgs 196/2003 a tutela della riservatezza dei suoi dati personali.

Ricevi gli eventi e le promozioni via e-mail

bologna

Seguici su:


 
 
Non ci sono locali per questa richiesta



 1 

Borgo Tossignano e dintorni, luoghi di interesse culturale e storico nel comune

Entrando nella valle del Vatreno, i Romani si difesero dalle popolazioni umbre, dell’alto Santerno, con due caposaldi ai due lati del fiume, Corsiniano, sulla sinistra e Tossignano sulla destra. Da allora il paese fu fatto Castrum, (luogo fortificato). Dal castruum romano, con i proseliti del cristianesimo, nasce la Pieve; quella di Borgo è, dedicata a S. Maria Assunta, culto particolare dei Bizantini, perché la lotta tra i Longobardi, e l’Esarcato di Ravenna, si svolse particolarmente su queste colline (secolo VI). Dal 914 al 928 fu Papa Giovanni X di Tossignano. Dalla Pieve, nasce presto il Comune che nel 1181 ha già due Consoli, e l’arciprete di Tossignano fu il primo Vicario vescovile, nella vallata. Distrutto nel 1198 data in cui nacque Borgo e fu elevato dai bolognesi, vittoriosi di Federico II, a sede del Contado supra Stratam, già a capo di 40 Comuni, con un Palazzo Pretorio, e una rocca fortissima. Rimasto Fedele alla Chiesa si batté contro Maghinardo Pagani, e i ghibellini, accanto a Bologna guelfa, che lo amministrò per tutto il quattordicesimo secolo. Ripristinato il potere della Chiesa, con il cardinale  Anglico, Tossignano nel 1371 annovera ben 350 luoghi, con un Vicario Pontificio, e un Castellano. Durante il periodo del grande Scisma, passa a Lodovico Alidosi, signore d’Imola, caduto il quale (1424) ritorna alla Chiesa. La Chiesa lo cede ai Manfredi di Faenza, prima Guidaccio, e poi Taddeo. Dal 1473 al 1499 vanno al potere i Riario Sforza, con Girolamo e poi Caterina; quindi un breve dominio del Duca Valentino, (1500-1503) e poi la Repubblica di Venezia, (1503-1505), che lo cede a Giulio Il. Avviato a riconquistare Bologna, Giulio Il con numerosi cardinali rimane a Tossignano in casa Orsolini, la notte tra 19 e 20 ottobre 1506. La Chiesa affidò poi Tossignano, a: Ricciardo Alidosi di Castel del Rio, Ramazotto Ramazotti di Scaricalasino, ai Carafa di Napoli, nipoti di Paolo IV, finché andò nel 1560 al conte Federico Borromei, che lo diede in dote alla sorella Ortensia, sposa del conte Annibale d’Altemps. Gli Altemps ressero a Tossignano per 135 anni, dal 1565 al 1700 e poi vendettero il Feudo ai Marchesi Spada di Bologna, che lo tennero fino al 1757, cedendolo al Marchese Francesco Martelli Tartagni di Forlì, spodestato dall’arrivo dei Francesi nel 1797. Dopo le vicende napoleoniche, il paese ritornò allo Stato della Chiesa e nel 1861 entrò a far parte del Regno d’Italia. Nel 1944 apprestato a difesa dai Tedeschi nel secondo conflitto mondiale, fu distrutto e denominato la Cassino romagnola.

Seguici

Facebook
Twitter